Come cambia la dichiarazione dei Moduli dopo il Collegato Ambientale(Legge n.221 del dicembre 2015)

Gentili Soci,

come noto lo scorso 2 febbraio, con la Legge n. 221 del 28 dicembre 2015, è entrato in vigore il Collegato ambientale che modifica l’art. 40 del D.Lgs. 49/2014.
In particolare quest’ultimo aggiornamento di Legge, reintroduce un modello di dichiarazione “delle medesime tipologie” di quello introdotto nel 2012 dal Disciplinare Tecnico del GSE:
• Dichiarazione e finanziamento dei moduli fotovoltaici attraverso la trasmissione dei seriali ad un Consorzio AEE, con ben determinati requisiti (p.es. senza scopo di lucro, certificato ISO/EMAS, etc), riconosciuto dal CdCRAEE;
• Accantonamento, della parte più significativa del contributo ambientale, in un TRUST (indipendente dalla stato patrimoniale del Consorzio dotato di specifico regolamento di garanzia).
Questo, come prima conseguenza, porta fin dalla sua applicazione ad un aumento generalizzato dei costi per la gestione del fine vita dei moduli, sia domestici che professionali, in termini di:

Premi efficienza da riconoscersi ai Comuni (Accordo ANCI/CDCRAEE) per la
categoria R4 -> 70,00 €/ton
Logistica R4 (moduli FTV) -> 115,00 -:- 120,00 €/ton
Trattamento, flessione del valore dei metalli -> 60,00 -:- 100,00 €/ton

Finora Cobat è riuscito ha mantenere la sua proposta commerciale ad 1,50 €/pz ma ciò
non è più possibile e dal mese di aprile il listino sarà variato a 4, 50€/pz.
Nel corso della riunione che terremo a Verona il giorno 8 aprile vi comunicheremo più dettagliatamente i valori economici che accantoneremo nel TRUST.
La direzione operativa di Cobat rimane a Vs completa disposizione per qualsiasi
chiarimento.

Cliccando qui è possibile leggere il comunicato ufficiale del Cobat