“Moduli fotovoltaici LONGi: nuova certificazione per la resistenza alla grandine” Leave a comment

Modulo LONGi Hi-MO X6: qualità pluri-certificata

I moduli fotovoltaici della serie Hi-MO X6 di LONGi hanno ottenuto una nuova certificazione per la loro resistenza alla grandine, rispondendo alla richiesta di soluzioni in grado di adattarsi a eventi climatici sempre meno prevedibili e sempre più impattanti. La certificazione è il risultato di test condotti dal prestigioso istituto TUV SUD simulando l’impatto di chicchi di grandine delle dimensioni di 35 e 45 mm alla velocità di 30 m/s che hanno lasciato illesi i moduli, confermandone l’eccezionale resistenza strutturale. aumenta l’efficienza di conversione e di conseguenza ottimizza l’LCOE. 

La certificazione grandine estesa assegnata ai moduli Hi-MO X6 si aggiunge a una vasta lista di certificazioni di terze parti, tra cui:

  • Resistenza ad ambienti ricchi in ammoniaca secondo IEC 62716,
  • Resistenza all’esposizione ad atmosfera salina secondo IEC 61701,
  • Esposizione a polvere e sabbia secondo IEC 60068-2-68,
  • Certificazione di reazione al fuoco secondo UNI 9177 in classe 1,
  • Riflettanza certificata ISO 9050,
  • Resistenza a carichi meccanici dinamici secondo IEC 62782,
  • Certificazione PID-FREE secondo IEC 62804-1,
  • Certificazioni RoHS e REACH.

Inoltre, l’intera produzione verticalmente integrata di LONGi è certificata ISO 9001, ISO 14001, ISO 45001, certificazione di energy management ISO 50001e international EPD. A tutte queste certificazioni si aggiunge il fatto che LONGi è tra i pochi produttori di moduli fotovoltaici ad avere un sistema di qualità completamente certificato IEC 62941.

La tecnologia avanzata della serie Hi-MO X6

La Serie Hi-MO X6 dei moduli LONGi dispone di una vasta gamma di prodotti nei formati 54, 66 e 72 celle e in versione Full-Black dal design elegante, adatti ad impianti residenziali, commerciali e industriali, e carport con un ampio power output per soddisfare le esigenze dei clienti. Hi-MO X6 è caratterizzato da una struttura di saldatura a una linea di contatto posteriore che incrementa la resistenza alle microfratture. I bordi delle celle HPBC sopportano una pressione di soli 26 MPa, a differenza delle celle tradizionali sottoposte a uno stress di 50 MPa, migliorando sia la resistenza alle sollecitazioni fisiche che l’affidabilità a lungo termine. Il modulo, inoltre, garantisce un rendimento dell’88,9% dopo 25 anni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SHOPPING CART

close